menu servizio

Convinzioni evolutive

convinzioni Le convinzioni si formano con l’esperienza, ci vengono tramandate dai nostri genitori, insegnanti, amici e poi dalla vita, dagli ambienti che frequentiamo e dagli eventi che ci accadono. In sintesi tutto il nostro bagaglio esperienziale è denso di convinzioni. Quasi sempre le convinzioni le recepiamo automaticamente ed inconsciamente senza chiederci se sono potenzianti o limitanti per noi.

Le convinzioni limitanti sono ricche di divieti e di pericolose ingiunzioni che frenano la persona, non la rendono libera e attribuiscono a eventi esterni fatti e accadimenti. Sono facilmente individuabili, in quanto sono infarcite di errori cognitivi e di sentimenti negativi.

Le convinzioni potenzianti o evolutive invece sono caratterizzate da suggerimenti positivi, indicazioni di possibilità e di opzioni. Sono ricche di permessi, motivazioni e spinte. Le convinzioni evolutive sono spesso attribuite a se stessi: mettono la persona al centro con la sua capacità di influenzare e di incidere sulla realtà.
Il focus è su tratti dell’identità, sulla immagine di se stessi, sulle proprie conoscenze, competenze e capacità. Le convinzioni evolutive spingono al cambiamento e alla tensione verso qualcosa di nuovo ed inesplorato.

Sono “illuminanti” questi spunti di Thomas Edison. Una volta un giornalista gli chiese cosa lo spingesse ad andare avanti con i suoi esperimenti per inventare la lampadina nonostante avesse fallito 9999 volte. Edison rispose che aveva appena scoperto un altro modo per non inventare la lampadina.
O il più conosciuto: “Alla fortuna ci credo, più lavoro più mi aiuta”.

Share Button

, ,

No comments yet.

Lascia un commento