menu servizio

Consapevolezza e sviluppo di sé: un racconto

Un racconto sulla diversa percezione della realtà, l’alterità del punto di vista e con una serie di spunti che chiunque legge puà fare

In una giornata molto calda, in una città del Sud dell’Italia, un padre ed il suo figlioletto si mettono in viaggio, con il loro asino, per raggiungere dei parenti in una città lontana dal loro paese.

Il padre monta sull’asino e il figlio cammina a lato; i tre passano davanti ad un gruppo di persone, e il padre sente che questi dicono: “Guardate un po’ che padre crudele: lui sta sull’asino e il figlioletto deve camminare a piedi in una giornata calda”.

Allora il padre scende dall’asino, fa salire il figlio e continuano sul loro cammino.

Passano davanti ad un altro gruppo di persone e il padre sente che questi dicono: “Ma guardate un po’: il vecchio padre cammina, in una giornata così calda, e il figlio giovane se ne sta comodo sull’asino; ma che razza di educazione è questa!”.

Il padre, allora, pensa che la cosa migliore è che anche lui salga sull’asino e, così, continuano il loro cammino. Dopo un po’ passano di fronte ad un altro gruppo di persone e il padre sente: “Guardate che crudeltà: quei due non hanno nemmeno un po’ di misericordia per quel povero animale, il quale in una giornata così calda deve portare tanto peso”.

Allora il padre scende dall’asino, fa scendere anche il figlio e tutti e tre continuano a camminare. Passano di fronte ad un altro gruppo di persone, che dicono: “Ma guarda che cretini quei due: in una giornata così calda camminano mentre hanno un asino su cui montare…”.

Share Button
No comments yet.

Lascia un commento